Amazon Go: in negozio senza casse. Chi ha paura?

Leggi l’ articolo originale su Quotidiano Piemontese.

Alla presentazione di YourDigital ieri si è parlato di AmazonGo. Raffaele Gaita spiegava i meccanismi che portano l’innovazione a cambiare e/o reinterpretare il mercato, creando nuove abitudini e nuove differenze.
Fino a qui, tutto bello.
Raffaele ha citato altri esempi di trasformazione digitale: Kodak, Blackberry, Blockbuster. Tuttavia l’iniziativa di Amazon – sarà perché è di fatto agli albori – mi ha colpito più delle altre. In effetti mi ha affascinato moltissimo. Ma mi ha anche fatto interrogare su quanto dobbiamo essere (diventare, necessariamente) flessibili sulle nostre idee di innovazione, lavoro e automatizzazione.

Che Cos’è Amazon Go?

Amazon ha deciso di rivoluzionare il mondo degli shop e dei retails creando il suo nuovo servizio, Amazon Go che sfrutta le tecnologie di screen vision, deep learning e sensor.
Negli shop di Amazon Go non ci saranno file, non ci saranno casse. Non ci saranno cassieri. I consumatori entreranno nel negozio, prenderanno quello che serve loro e usciranno (they actually walk out).
Il progetto verrà lanciato nel 2017 a Seattle 2131 7th Ave, Seattle, WA, all’angolo con 7th Avenue and Blanchard Street.

Come funziona Amazon Go

La sfida di Amazon, iniziata 4 anni fa, era questa: “offrire l’esperienza di un negozio senza limiti, barriere o checkout (casse e scontrini)”.
Per farlo Amazon ha ideato un ambiente nel quale incrocia tre tecnologie di riconoscimento, apprendimento e analisi di dati e, certamente, di data mining.
Il compratore al suo arrivo al negozio Amazon, passa sopra un scanner il proprio telefono attivando il proprio Amazon Account. Dopo essersi registrato, saranno i software a riconoscere quali prodotti il consumatore ha preso e portato via, quanto ha speso e fatturare al consumatore il conto in digitale, direttamente tramite il proprio Amazon Account.

I dati raccolti da Amazon saranno sempre di più.

Perchè è esattamente questo il punto.
Dopo essere diventato il più grande negozio on line e aver tracciato le compravendite dell’intero mondo per più di 15 anni, Amazon ora vuole varcare le frontiere del digitale e approdare su supporti analogici. Questo, per quanto sia a livello imprenditoriale avvincente, in un discorso sociologico è quantomeno direzionato al monopolio dei dati, nell’ambito degli acquisti e delle vendite. La tecnologia di Amazon Go infatti non sarà solamente in grado di digitalizzare e smaterializzare gli scontrini, sarà anche capace di raccogliere dati circa il tempo e l’ordine di acquisto dei prodotti, la loro periodicità, i trend di vendita dei prodotti, la capacità di acquisto dei consumatori.
E qui non stiamo parlando dell’Istat. Qui stiamo parlando di Amazon, che conoscerà come spendiamo i nostri soldi, meglio di chiunque altro.

I cassieri devono avere paura di Amazon Go?

Sì devono. Questo tipo di tecnologia si dimostrerà largamente conveniente per le multinazionali degli stores e Amazon sarà il primo della fila a spingere questo cambiamento.
Chiunque conosca l’ambiente dei magazzini di Amazon, sa che la catena produttiva è incentrata su impianti automatici che costringono i “magazzinieri” che ci lavorano (picker) a correre – letteralmente correre – da un punto all’altro per rispettare i tempi che il sistema di produzione impone loro.
Loro stessi, che ci lavorano, sanno che verranno sostituiti dalle macchine non appena il machine learning sarà a un punto tale da permettere la piena automazione del lavoro nei magazzini, che richiede capacità di scelta critica e di spostamento fisico di oggetti.
Amazon Go dimostra che se si riesce a portare il consumatore direttamente all’interno di quello che in realtà è un magazzino Amazon, posso far lavorare solo le macchine, sollevando l’uomo dalla necessarietà dell’impiego.
Evidente dunque quanto ci sia bisogno di riflettere su un sistema di welfare che sia preparato a dare qualcosa da fare (e da spendere) a quelle persone che a livello professionale, in questo preciso momento storico-tecnologico, varranno meno o quanto una macchina. Che sembra brutto da dire, ma è proprio ciò che dobbiamo chiederci.
“Nel momento in cui siamo di fronte al fatto che certi (molti, sempre più) lavori potranno essere condotti con maggior efficacia da una macchina o un sistema di macchine, noi che famo?”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...