Per la morte di tuo padre

Era un giorno in settembre.

A me lo disse mio padre

con gli occhi bassi e le sue tristi parole.

Il tuo se n’era andato per sempre

e come spesso accade

non ci sono frasi per esprimere tanto dolore.

 

Mio padre mi disse: ” Scrivigli”.

Io ti pensai. Nel cuore, i lividi.

Sarai stato affranto, amico

ma qui , davvero, chi ti capisce?

il tuo rider fuori luogo si è spento oramai.

Altro che “scrivere”, se ti vedo che ti dico?

 

Banalità che già sai

Frasi che già conosci

Conforti ipocriti della domenica

“Il suo ricordo non svanirà mai”

“Cercalo nel silenzio dei boschi”

“Leggiti i testi di Seneca”

 

A me basta guardare le foto,

leggere lo stato che su Facebook hai postato

per capire che sei immerso in un dolore antico

ma i nuovi media ti impongono di essere guardato

e allora scrivi frasi sagge e ti consoli da solo

Io al pensiero muoio. Non ti vedo. E allora che ti scrivo?

 

Che tu non abbia già pensato,

che gli altri non abbiano già commentato

o che Seneca non abbia già scritto?

Nulla scrivo. Ti guardo con sospetto

perché il tuo dolore è lontano da dove sono io

Il tuo vecchio è morto ma è ancora vivo il mio.

 

E quando leggo le tue parole sagge, mentre impari a vivere senza padre,

un brivido mi scorre dentro e una paura nera mi muove.

Mi squaglia come ghiaccio al sole

il pensiero che un domani sarò io a scrivere “papa quanto mi manchi”

postando foto vecchie, frasi nuove

racimolando qualche like per consolarmi.

 


In memoria di Aldo Polizzo.
Annunci

Posted In:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...