From Digitale e innovazione

Il giorno in cui il computer scrive il romanzo

DALLA RUBRICA CAVALLI DI TROJAN PER L’INDICE DEI LIBRI DEL MESE Dal numero dell’Indice dei Libri del Mese di maggio 2017 Lo scorso mese avevamo parlato delle intelligenze artificiali che leggono, analizzano e categorizzano le trame, scelgono quali manoscritti pubblicare. Questo mese andiamo dall’altro lato della scrivania e parliamo delle macchine che scrivono narrativa. I software di scrittura automatica non sono di certo una novità. Già da qualche anno questa tipologia di software è ricorrente nella attività editoriali digitali, soprattutto nel mondo delle news e dei comunicati. Fino a qualche anno fa gli esperimenti sulle intelligenze artificiali venivano, per l’appunto, condotti…

Il mio agente letterario è un algoritmo

DALLA RUBRICA CAVALLI DI TROJAN PER L’INDICE DEI LIBRI DEL MESE Dal numero dell’Indice dei Libri del Mese di aprile 2017 Quasi mezzo secolo è passato da quando Chomsky scriveva le prime tesi sulla grammatica generativa e. Gli anni ’60 del novecento hanno visto un rapido evolversi dei linguaggi, idiomatici ma anche matematici e informatici. La scienze dell’informazione e dell’automazione in quegli anni affondano le proprie radici, le stesse che avrebbero poi costituito la rivoluzione dell’industria 4.0 in auge oggi. Ma se a un ingegnere di Ford poteva sembrare tutto sommato verosimile che nel futuro prossimo una macchina avrebbe sostituito tutti…

Ci stiamo disabituando alla privacy. Parola di Berners-Lee

Un quarto di secolo è ormai trascorso da quando Timothy John Berners–Lee inventò Internet. Lo aveva immaginato come un vero e proprio strumento di democratizzazione: una mastodontica piattaforma aperta che avrebbe permesso a tutti di connettersi e condividere informazioni con chiunque. Se proviamo a pensare com’era vivere senza, ci rendiamo conto che Internet è stata una delle più grandi invenzioni di…

L’editore degli editori

DALLA RUBRICA CAVALLI DI TROJAN PER L’INDICE DEI LIBRI DEL MESE Leggi l’articolo originale sull’Indice. di Federico Bottino dal numero dell’Indice dei Libri del Mese di marzo 2017 Alcuni editori sostengono che il digitale è marginale. La cosa è in parte vera, in parte falsa. Se si parla del libro come oggetto, risultato di una filiera produttiva che dall’editore giunge alle librerie passando per tipografie e reti distributive, allora è vera. È invece falsa o, perlomeno, fuorviante se si intende il libro come testo, il testo come fonte d’informazione e l’informazione come insieme aggregato di dati accessibili. Se un editore…

Federico Bottino

47th Lunch Seminar @ Nexa Center – Internet and Society

Copyright e contenuti intellettuali: l’esperienza di Yeerida – Federico Bottino (ceo Yeerida) Con gentilezza, Francesco Ruggiero mi ha invitato a tenere un Lunch Seminar presso il centro Nexa, in gennaio. Alla sua richiesta rispetto a quale fosse l’argomento che preferissi trattare, ho risposto che sarebbe stato interessante parlare di come siamo abituati a concepire il…

L’ AI di google translate inventa un nuovo linguaggio per tradurre meglio.

Leggi l’articolo originale su Quotidiano Piemontese. A inizio settimana scrivevo di Amazon Go e di come i cassieri farebbero bene a trovarsi un qualcosa di meglio da fare. Oggi ripropongo la stessa riflessione ai traduttori e interpreti. Visto che l’Intelligenza Artificiale di Google ha appena inventato un nuovo linguaggio (interlinguaggio) per migliorare la qualità (e…

Pebble fa ciaone a tutti e scappa via con il big cash

Leggi l’articolo originale su Quotidiano Piemontese. Pebble fa ciaone a tutti e scappa con i soldi di Fitbit. Quando si suole dire che ognuno di noi, ogni idea, ogni impresa, ogni prodotto, ogni persona ha un presso, si dice il vero. Ce ne ricorderemo quando penseremo al caso Pebble . Il colosso del werable, Fitbit…

Amazon Go: in negozio senza casse. Chi ha paura?

Leggi l’ articolo originale su Quotidiano Piemontese. Alla presentazione di YourDigital ieri si è parlato di AmazonGo. Raffaele Gaita spiegava i meccanismi che portano l’innovazione a cambiare e/o reinterpretare il mercato, creando nuove abitudini e nuove differenze. Fino a qui, tutto bello. Raffaele ha citato altri esempi di trasformazione digitale: Kodak, Blackberry, Blockbuster. Tuttavia l’iniziativa…

Core Values. Il Vaticano che sfida la complessità del web – Per QP

[Leggi l’articolo completo su Quotidiano Piemontese – Core Values] Siamo a Roma io e Jacopo Maria Vassallo, quel 4 di novembre. Ci siamo alzati presto, per recarci a Core Values. Dopo una non proprio breve passeggiata e una colazione, un po’ troppo repentina per essere chiamata “colazione”, eccoci finire i resti di un croissant, con le schiene appoggiati a mura non più Italiane. I nostri sguardi si arrampicano sull’obelisco di Piazza San Giovanni in Laterano. Ci circonda il rumore di mercedes e audi nere che fanno il giro della piazza e si fermano solo per scaricare top manager e chairman…