From Pensieri

Qui troverai alcuni miei pensieri, qualche opinione, che formulo guardando il mondo e, tutto sommato, non capendoci un cazzo.
Come per le poesie, non sono un pensatore più di quanto non lo sia tu che stai leggendo. Non aspettarti quindi somme e profonde verità ma abbandonati a un superficiale punto di vista. Che poi, si dà il caso sia il mio.

La prima edizione del Digital Ethics Forum è andata!

Questo fine settimana si è conclusa la prima edizione del Digital Ethics Forum. Voglio ringraziare di cuore tutt* i/le partecipanti. Ogni intervento ha contribuito a rendere i 3 giorni del Forum interessantissimi e ricchi di spunti di riflessione. Parlare di etica e di digitale è un dovere per una generazione di professionisti che vuole portare avanti un modello di innovazione che sia (soprattutto) sociale e sostenibile, per tutti. Siamo davvero orgogliosi di aver messo in moto questa piccola comunità che si interroga sulla natura etica di prodotti digitali e nuove tecnologie. Un grazie sentito va agli sponsor che hanno reso tutto…

Se la campagna elettorale diventa marketing cross mediale

LEGGI L’ARTICOLO ORIGINALE SU L’INDICE DEI LIBRI DEL MESE Anche se i recenti sondaggi rivelano che la decisione su chi votare, gli italiani la prendano ancora sfogliando un vecchio giornale, è ingenuo negare che l’opinione, la doxa, affonda le sue radici nelle abitudini del quotidiano e quindi anche nel web, sui social e nei gruppi chiusi di Facebook o Whatsapp. Ricordiamo che dal 2008 a questa parte – come rivela lo stesso Obama intervistato da David Letterman per Netflix – le campagne sui social media hanno sempre acquisito maggior rilevanza e sono diventate un ottimo strumento, non solo per diffondere…

Per la morte di tuo padre

Era un giorno in settembre. A me lo disse mio padre con gli occhi bassi e le sue tristi parole. Il tuo se n’era andato per sempre e come spesso accade non ci sono frasi per esprimere tanto dolore. Mio padre mi disse: ” Scrivigli”. Io ti pensai. Nel cuore, i lividi. Sarai stato affranto, amico ma qui , davvero, chi ti capisce? il tuo rider fuori luogo si è spento oramai. Altro che “scrivere”, se ti vedo che ti dico? Banalità che già sai Frasi che già conosci Conforti ipocriti della domenica “Il suo ricordo non svanirà mai” “Cercalo…

Millenovecentottanta Orlando

DALLA RUBRICA CAVALLI DI TROJAN PER L’INDICE DEI LIBRI DEL MESE Dal numero dell’Indice dei Libri del Mese di luglio-agosto 2017 Durante la trentesima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, all’interno del programma Prospettive Digitali coordinato da Giorgio Gianotto, l’avvocato penalista Carlo Blengino ha accennato, alla fine della sua conferenza, al ddl Orlando sulle intercettazioni. Il ddl permette al potere giudiziario di promuovere attacchi malware, finalizzati a penetrare nei dispositivi degli indagati per estrarre informazioni che possano essere utilizzate nelle indagini. Ciò che correttamente l’avvocato Blengino sottolineava è la preoccupante leggerezza con cui si guarda alla potenzialità di…

Il giorno in cui il computer scrive il romanzo

DALLA RUBRICA CAVALLI DI TROJAN PER L’INDICE DEI LIBRI DEL MESE Dal numero dell’Indice dei Libri del Mese di maggio 2017 Lo scorso mese avevamo parlato delle intelligenze artificiali che leggono, analizzano e categorizzano le trame, scelgono quali manoscritti pubblicare. Questo mese andiamo dall’altro lato della scrivania e parliamo delle macchine che scrivono narrativa. I software di scrittura automatica non sono di certo una novità. Già da qualche anno questa tipologia di software è ricorrente nella attività editoriali digitali, soprattutto nel mondo delle news e dei comunicati. Fino a qualche anno fa gli esperimenti sulle intelligenze artificiali venivano, per l’appunto, condotti…

Il mio agente letterario è un algoritmo

DALLA RUBRICA CAVALLI DI TROJAN PER L’INDICE DEI LIBRI DEL MESE Dal numero dell’Indice dei Libri del Mese di aprile 2017 Quasi mezzo secolo è passato da quando Chomsky scriveva le prime tesi sulla grammatica generativa e. Gli anni ’60 del novecento hanno visto un rapido evolversi dei linguaggi, idiomatici ma anche matematici e informatici. La scienze dell’informazione e dell’automazione in quegli anni affondano le proprie radici, le stesse che avrebbero poi costituito la rivoluzione dell’industria 4.0 in auge oggi. Ma se a un ingegnere di Ford poteva sembrare tutto sommato verosimile che nel futuro prossimo una macchina avrebbe sostituito tutti…

L’editore degli editori

DALLA RUBRICA CAVALLI DI TROJAN PER L’INDICE DEI LIBRI DEL MESE Leggi l’articolo originale sull’Indice. di Federico Bottino dal numero dell’Indice dei Libri del Mese di marzo 2017 Alcuni editori sostengono che il digitale è marginale. La cosa è in parte vera, in parte falsa. Se si parla del libro come oggetto, risultato di una filiera produttiva che dall’editore giunge alle librerie passando per tipografie e reti distributive, allora è vera. È invece falsa o, perlomeno, fuorviante se si intende il libro come testo, il testo come fonte d’informazione e l’informazione come insieme aggregato di dati accessibili. Se un editore…

Facebook e l’antibufala. Non è post verità ma post editoria

Ha pochi giorni la notizia secondo la quale Facebook ha annunciato guerra alle bufale, inserendo un pulsante adibito alla segnalazione delle notizie dubbie. Il contenuto segnalato verrebbe, secondo M.Z. controllato da una società terza di fact checking. Se individuato come bufaloso sarà quindi impossibile sponsorizzarlo per raggiungere utenti in forma massiva, altresì gli algoritmi di selezione contenuti dovrebbero far sì che il contenuto falso compaia molto meno sui feed degli utenti. Una censura soft che smaschera la reale identità del gruppo di Mark Zuckemberg: un editore. https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fzuck%2Fposts%2F10103338789106661&width=500 Leggevo oggi su Linkiesta Andrea Coccia che fa un’arringa in favore del sacro…

Core Values. Il Vaticano che sfida la complessità del web – Per QP

[Leggi l’articolo completo su Quotidiano Piemontese – Core Values] Siamo a Roma io e Jacopo Maria Vassallo, quel 4 di novembre. Ci siamo alzati presto, per recarci a Core Values. Dopo una non proprio breve passeggiata e una colazione, un po’ troppo repentina per essere chiamata “colazione”, eccoci finire i resti di un croissant, con le schiene appoggiati a mura non più Italiane. I nostri sguardi si arrampicano sull’obelisco di Piazza San Giovanni in Laterano. Ci circonda il rumore di mercedes e audi nere che fanno il giro della piazza e si fermano solo per scaricare top manager e chairman…

Why not? Avere un blog

Ho mentito per un sacco di tempo. Cedendo ai pregiudizi di egocentrismo, esibizionismo, accattonaggio, ho sempre pensato che possederlo fosse il sintomo digitale di una psicosi narcisoide. La pozzanghera degli anatroccoli della scrittura digitale, che tanto biasimano la carta e i suoi splendori passati, tanto la imbarazzano sugli spazi dell’ipertesto. Loro sono i Bloggers. Così si fanno chiamare. Blogger. Wikipedia, sottolineando la diffusione mondiale del fenomeno, addirittura riporta il termine traslato in italiano: “blogghista”. Manco ci fosse il Duce a leggerlo. E i Bloggers scrivono i (sui?) blog. Perchè è così che li chiamano. Blog. Prima erano Web-log, poi il “we” passò di moda,…